Psicomotricità

[et_pb_fullwidth_breadcrumbs admin_label="Fullwidth Breadcrumbs 3 -8 anni"]

[et_pb_fullwidth_breadcrumb title="Il Girotondo degli Angeli" link="http://www.ilgirotondodegliangeli.it" /][et_pb_fullwidth_breadcrumb title="3 - 8 Anni" link="http://www.ilgirotondodegliangeli.it/attivita-bambini-3-8-anni/" /]

[/et_pb_fullwidth_breadcrumbs]

Psicomotricità – La relazione con gli altri favorisce la maturazione psicologica

Psicomotricità


La psicomotricità è un’attività che favorisce la maturazione psicologica del bambino attraverso il movimento, il gioco, la creatività e la relazione con l’Altro.

La psicomotricità è un’esperienza di gioco e divertimento basata sul piacere, che favorisce la conoscenza del proprio corpo, la coscienza del movimento e la capacità di organizzare e utilizzare lo spazio.
Il bambino gioca perché prova piacere e nel piacere cresce, matura e impara a relazionarsi con il mondo e a scoprirlo.
Il rapporto con il gruppo dei coetanei favorisce la cooperazione, il rispetto delle regole, la condivisione degli spazi e del materiale.
In un ambiente dove non si compete e non si giudica, il bambino sperimenta in modo sereno le proprie abilità, i propri limiti e le proprie paure, costruendo così un’immagine positiva di sé indispensabile per “diventare grande” e praticare successivamente qualsiasi attività sportiva senza difficoltà.
Il corso va a intervenire in maniera globale sullo sviluppo psicomotorio del bambino, aiutandolo a esprimere le proprie emozioni, a comunicare i propri bisogni e a crescere in modo armonico.
Scopo principale della proposta psicomotoria è l’offrire al bambino la possibilità di vivere liberamente e spontaneamente esperienze corporee a tutti i livelli.
Poter giocare e muoversi in libertà permette al bambino di esprimere il suo potenziale creativo e stimola l’incontro e gli scambi autentici tra bambini.
Lo psicomotricista organizza l’insieme dello spazio, del tempo e dei materiali, creando un’atmosfera di sicurezza e serenità e dando ai bambini la possibilità di:
• sperimentare il piacere di muoversi, fare esperienze con il proprio corpo, vivere bene nella propria pelle
• organizzare il proprio pensiero a partire dalla strutturazione della propria identità corporea
• costruire un rapporto equilibrato fra realtà e immaginario
• fare l’esperienza di vivere positivamente se stessi e le proprie possibilità di evoluzione e di crescita
• favorire l’evoluzione di diversi canali comunicativi, il controllo emotivo e il contenimento dell’aggressività
• favorire la socializzazione del bambino
• incrementare l’autostima e il senso di efficacia, attraverso esperienze positive di confronto con la realtà circostante
• favorire lo sviluppo psicomotorio del bambino tenendo in considerazione le tappe previste per età, sempre in un’ottica di unicità di ogni bambino
• contenere l’iperattività, dando al bambino il giusto modo per sfogarsi e aiutarlo ad avere un progetto chiaro e non confusionario rispetto al movimento nello spazio che lo circonda

L’attività di psicomotricità può essere quindi considerata, inoltre, uno strumento di prevenzione del disagio, in quanto consente, da un lato di rilevare precocemente possibili segnali di difficoltà nello sviluppo del bambino e dall’altro è un aiuto nell’attenuazione e nella trasformazione dei fattori che all’interno dell’esperienza scolastica possono produrre disagio.